Vivere il borgo

SABATO 20 MAGGIO
Giornata del gioco in strada, delle piazze, della lettura e della creatività degli artigiani.

Il weekend dedicato all’evento “Vivere i Borghi” ha visto una gamma di proposte di grande fascino, come Il network Borghi della Lettura, nato nel febbraio 2015 comprende 35 borghi di 7 regioni italiane (Abruzzo, Molise, Puglia, Campania, Marche, Lazio, Sardegna) e diverse biblioteche storiche dei comuni, con l’obiettivo di valorizzare l’identità storica ed estetica del loro territorio (ad esempio, la piazzetta della lettura di Fornelli, la terrazza della lettura di Macchiagodena, le bibliocabine di Sant’Agata di Puglia). E’ stata allestita una Libreria del Borgo, uno spazio nel quale si sono alternati alla lettura autori e visitatori.
“Italian Stories” è stato invece il racconto di tante storie affascinanti e diverse esperienze autentiche nei laboratori artigiani: Leonardo Laino, mosaicista calabrese, Linda Zepponi, decoratrice ceramista marchigiana, Andrea De Simeis, cartaio e maestro incisore pugliese, Carlotta Sadino, cappellaia piemontese, Marco La Manna, liutaio Lombardo, Olivia Monteforte, artigiana della scarpa, anche lei marchigiana.

L'Associazione Giochi Antichi ha offerto un “Angolo del gioco”: si tratta di una realtà molto attiva per la salvaguardia, tutela e recupero di un patrimonio che rischia di andare disperso attraverso la promozione della comunità ludiche che, nei piccoli paesini e nei villaggi, praticano giochi tramandati da secoli, legati alle specifiche realtà geografiche in cui vivono. Inoltre l'Associazione Pro Loco di Azzinano, ha mostrato le riproduzioni, realizzate nel tempo, di quelli che erano i giochi che anticamente i nostri nonni facevano all'aria aperta con materiali semplicissimi da reperire ma entusiasmanti per grandi e piccoli e, per loro, organizza piccoli tornei dedicati ai giochi di una volta.

Il cortile esterno delle Terme  è stato adibito a giochi tradizionali scelti tra quelli diffusi in diversi territori italiani. Giochi ancora praticati dalle comunità dei piccoli borghi: giochi schietti, con regole minime, accessibili a tutti. I “giocatori" delle diverse comunità ludiche dell'Associazione Giochi Antichi e di Azzinano, vestiti in abiti tradizionali ed esprimendosi nei dialetti di apparte- nenza, hanno inscenato “partite" per cogliere la complessità, la tipicità, la storia e la modernità del gioco, coivolgendo anche i presenti. Giochi come Pirli, tipico della Lombardia, Birilli su Piedritto, dal Veneto, Capanna o Panforte dalla Toscana, i Trampoli di Schieti dalle Marche) hanno permesso di respirare un po’ d’aria paesana e contadina non inquinata da sofisticati rumori, per rivivere e rinsaldare le radici di famiglia, di paese e di socialità. Un viaggio a ritroso nel tempo per ritrovare insieme odori, sensazioni ed emozioni quasi dimenticate.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
privacy