3521-Andrea_Fortebraccio_detto_Braccio_da_Montone.png

Andrea Fortebraccio detto braccio da montone

“…Braccio/ … che per tutto ancora / Con maraviglia e con terror si noma”: così Alessandro Manzoni cita, ne “Il Conte di Carmagnola”, Andrea Fortebraccio, sicuramente più famoso come Braccio da Montone (Perugia, 1368 – L'Aquila 1424), condottiero e politico le cui gesta sono giunte fino a noi. Capitano di ventura, in bilico tra storia e leggenda, fu governatore di Bologna, rettore di Roma, signore di Perugia, principe di Capua, conte di Montone, conte di Foggia, gran connestabile del regno di Napoli, insomma una figura di grande prestigio del XV secolo, che lasciò dietro di sé una lunghissima scia di vicende storiche e narrazioni suggestive.

Località:

  • a Perugia, la Loggia di Braccio Fortebraccio, il rione di Porta Sant’Angelo, Palazzo Donini, chiesa di San Francesco al Prato, il Convento dei Frati Minori;
  • a Montone, il Castello, il Convento di S. Agnese.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
privacy