Borghi d'Italia

1019-Buonvicino.jpg

Buonvicino

Buonvicino (CS) Calabria

Il borgo di Buonvicino nacque intorno alla fine del 1200 dall’unione di tre distinti poli abitativi: Salvato e Tripidone di origine ellenica, Trigiano, edificato dai romani. Buonvicino sorge tra le rupi e le selve che lo sovrastano. Il paese si snoda sulla cresta della sponda del Torrente Corvino. Dal mare di Diamante ai monti, solo una manciata di chilometri e subito si è catapultati all’interno del Parco Nazionale del Pollino. Interessante il suo centro storico che sorge su di uno sperone roccioso, caratterizzato dallo snodo di vicoli e vicoletti con archi che aprono, di tanto in tanto, alle stupende panoramiche offerte dalle lussureggianti valli che fanno da sfondo al Mar Tirreno. Sull’impianto medioevale, inalterato, si sviluppano le abitazioni, costruite sui dirupi a strapiombo e addossate le une alle altre. Da visitare il Museo del Gusto e delle Tradizioni popolari, dedicato a Ippolito Cavalcanti, Duca vissuto alla Corte di Napoli, autore di un trattato organico di cucina che dal settecento in poi ha costituito riferimento eccellente per la manualistica del settore. Alla ricchezza del patrimonio ambientale e naturalistico, Buonvicino, quindi, affianca le straordinarie qualità del patrimonio religioso, archeologico, agroalimentare e la popolazione locale conserva ancora tradizioni, canti e feste di antica origine, rivelando un’identità fortemente radicata.

Visita il borgo

Associazioni